sg_12_09
FacebookRSS Feed
Pin It

BlogRoll

Non voglio credere che in Italia non si riesca a fare una qualunque opera senza che un'inchiesta smascheri le tresche che ne hanno permesso la sua incompleta realizzazione con un esborso pubblico dieci volte superiore. Eppure è così.

 

Non voglio credere che per diventare ministri serva più sex-appeal che capacità. Eppure è così.

Non voglio credere che il merito sia ridotto ad essere una mera soddisfazione personale, non oggettiva, e che sia più facile conoscere le persone giuste che avere tutte le carte in regola. Eppure è così.

Non voglio credere che non sia possibile affidare i fili della marionetta chiamata Italia a persone con un animo migliore, che non sbavino dietro ragazzine, massaggiatrici, escort e trans. Eppure è così.

Non voglio credere che di fronte ad un terremoto che ha interrotto la vita di centinaia di persone, che rischia di cancellare per decenni le bellezza di una città d'Italia e che ha annientato i sogni di migliaia di giovani, ci sia chi ha riso pensando al modo di truffare l'Italia intera. Eppure è così.