sg_12_09
FacebookRSS Feed
Pin It

BlogRoll

PiccolinoCopLa mamma ha sempre curato lo sviluppo culturale di Apu, ha scelto i libri dopo essersi documentata, ha seguito corsi nel poco tempo libero che abbiamo. E' una delle cose che le ho visto fare con più passione da quando ci conosciamo e non posso che esserne contento. Ogni tanto ci recapitano pacchi con libri nuovi, fatti di pochissime parole e tantissime belle immagini su cui sbizzarrire la fantasia e sulle quali costruire storie fantasiose e sviluppare la creatività del nostro bimbo.

Nel mio immaginario il libro delle fiabe era fatto di centinaia di pagine, tante fiabe che duravano 5-6 pagine con qualche disegnino qui e lì. Quando ho visto il primo libro comprato per Apu, in cui ci saranno state si e no 20 parole, mi sono chiesto cosa ci fosse da leggere e lì la mamma mi ha ripreso e mi ha spiegato che quelle poche parole sarebbero state magari anche inutili per raccontare una storia.

Ha cominciato a leggere storie al piccolo sin dai primi mesi e devo dire che è sempre stato difficile tenergli l'attenzione catturata per tutta la durata del racconto, anche se questo dura pochi minuti. Con il tempo abbiamo visto che il momento migliore della giornata è la sera, prima di andare a letto, dopo qualche (inevitabile) episodio di Peppa Pig.

E' successo spesso che Apu abbia colto particolari che noi non avremmo altrimenti notato: un pupazzo in mano ad un bimbo, un orologio somigliante a quello di papà, un animale in secondo piano nell'immagine... L'altra sera era sul divano in braccio alla mamma e lei gli leggeva "Buon viaggio, piccolino" di Beatrice Alemagna, un best-seller della letteratura per bimbi della sua età quando all'improvviso, su questa pagina, lui scivola via dal divano e scappa di corsa in camera sua.

Accende la luce, fa cadere venti libri dalla sua mini-libreria e nel frattempo io e la mamma ci guardiamo e ci ripetiamo: "E' inutile, non riesce a fartela finire una storia!". Nel frattempo lui torna, tutto fiero, esibendo un altro libro e gridando: "ECCOLO!!!!". Il libro è "Piccolo blu e piccolo giallo" di Leo Lionni:

Se questa immagine non vi dice niente, riguardate il libro che ha in mano il bambino :-)

Si, il "libro più bello" del piccolino che si prepara al viaggio verso la nanna è proprio "Piccolo blu e piccolo giallo".

  • Nessun commento trovato

Lascia i tuoi commenti

Posta commento come visitatore

0
termini e condizioni.